OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
omicidio cirò marina antonella lettieri cirò crotone

Omicidio Lettieri, analizzati gli scarichi dei vicini. Sotto sequestro un arsenale

Continuano a pieno regime le indagini di Carabinieri e Ris per individuare chi ha ucciso con rabbia e ferocia la giovane commessa di Cirò Marina

di Tiziana Bagnato
mercoledì 15 marzo 2017 | 12:10
Antonella Lettieri
Antonella Lettieri

Più passano le ore e più il cerchio sembra stringersi. Ma non si attenua la rabbia per quel delitto così efferato compiuto contro una donna sola, minuta che ha cercato fino alla stremo di difendersi e di aggrapparsi alla vita. I carabinieri della compagnia di Cirò diretti dal capitano Alessandro Epifanio e coordinati dal comandante provinciale Salvatore Gagliano, non mollano la presa e stanno passando a setaccio, non solo la vita privata di Antonella Lettieri, ma anche quella delle persone vicine alla giovane commessa trovata morta in una pozza di sangue all’interno del suo appartamento il 9 marzo scorso.


Tre le persone formalmente indagate, un coetaneo con cui la 42enne si frequentava e una coppia di amici a cui gli investigatori hanno posto sotto sequestro un piccolo arsenale, regolarmente detenuto e analizzato gli scarichi fognari oltre che messo sotto sequestro della biancheria. Intanto, continuano i rilievi dei Ris di Messina nell’appartamento della donna. La speranza è che sotto le sue unghie si possa nascondere la chiave del delitto. Il nome di chi si è accanito su di lei con ferocia colpendola prima con 12 fendenti sul corpo e poi con altri venti sul capo sfregiandole il viso. Due le armi che potrebbero essere state utilizzate, di entrambe non vi è traccia.


Nella fiaccolata che le è stata dedicata e che ha visto scorrere per le strade del paese i suoi concittadini ed amici, oltre che sindaci e politici, è stata chiesta a gran voce giustizia per la ‘gemellina’ così come era ancora chiamata Antonella. Antonella che non si era sposata e lavorava nel supermarket della sorella gemella. La stessa che la mattina del nove marzo non vedendola arrivare al lavoro aveva inviato il marito a cercarla. Antonella che nemmeno 24 ore prima della sua morte aveva compiuto 42 anni.

 

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta