OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
truffa inps vibo valentia

Era residente in Argentina ma percepiva dall’Inps assegni sociali, denunciato

Dalle indagini svolte dai finanzieri della Compagnia di Vibo Valentia emerso come l’autore della truffa dal 2007 al 2016 abbia indebitamente percepito dall'ente la somma di circa 50mila euro

mercoledì 15 marzo 2017 | 07:37

Era residente in Argentina ma da anni percepiva indebitamente assegni sociali a danno dell’Inps. È quanto è emerso all’esito di mirate indagini di Polizia Giudiziaria e Tributaria, volte alla tutela della Spesa Pubblica Nazionale ed al contrasto delle frodi agli Enti Previdenziali ed Assistenziali, svolte dai finanzieri della Compagnia di Vibo Valentia.

 

In particolare, le investigazioni hanno permesso di accertare che un soggetto, stabilmente residente in Argentina dall’anno 2003, nel 2005 ha fittiziamente trasferito la propria residenza in provincia col fine di richiedere, e successivamente ottenere, l’erogazione della misura assistenziale in rassegna (l’erogazione del beneficio richiede, tra gli altri, quale requisito la residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio nazionale).


Dalle indagini svolte, tuttavia, è stato rilevato come lo stesso, stabilitosi in Argentina, abbia fatto ritorno in Italia sporadicamente, permanendo sul territorio nazionale per brevi periodi di tempo. Nonostante ciò, negli anni dal 2007 al 2016, in assenza dei prescritti requisiti di legge, frodando l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, ha indebitamente percepito la somma di circa 50.000 euro erogata dal’Ente a titolo di assegno sociale.


Le Fiamme Gialle Vibonesi hanno deferito l’autore della frode alla Procura della Repubblica per il reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, richiedendo l’applicazione della misura cautelare reale del sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente delle somme indebitamente percepite.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta