OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
tar palazzo gagliardi comune di vibo

Tar, palazzo Gagliardi a Vibo: il Filippo’s dei Daffinà resta al suo posto. Condannato il Comune

Accolto il ricorso della “Daffinà Maria Francesca & C”. Il Comune, invece, dovrà risarcire le spese processuali e legali da liquidare in favore della società ricorrente

di G. B.
martedì 14 marzo 2017 | 10:30
Vibo Valentia, Palazzo Gagliardi
Vibo Valentia, Palazzo Gagliardi

Resterà al suo posto il locale Filippo’s, ospitato con un contratto di locazione per uso commerciale in parte del piano terra dello storico Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia di proprietà comunale.

 

La prima sezione del Tar di Catanzaro ha infatti annullato la delibera con la quale l’1 dicembre 2015 l’attuale giunta comunale guidata dal sindaco di Vibo Valentia, Elio Costa, aveva revocato una precedente delibera del 21 ottobre 2010 della stessa giunta con cui erano state a sua volta revocate altre due delibere del gennaio 2010 e del 29 settembre 2014 contenenti le direttive per l’assegnazione in locazione per uso commerciale di parte dell’immobile “Palazzo Gagliardi” di proprietà del Comune.

 

Accolto, dunque, dai giudici amministrativi il ricorso dell’avvocato Giovanni Spataro per conto della “Daffinà S.a.s” di Daffinà Maria Francesca & C. e condannato il Comune di Vibo Valentia, in persona del sindaco in carica, al pagamento delle spese processuali e legali da liquidare in favore della società ricorrente.

 

CONTINUA A LEGGERE SU ILVIBONESE: Palazzo Gagliardi a Vibo: il Filippo’s dei Daffinà resta al suo posto, condannato il Comune

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta