OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
volley palmi volley a2 tiffany

VOLLEY | Tiffany, la schiacciatrice che era un uomo, manda in tilt la pallavolo italiana

Club di A2 pronti ai ricorsi. Nessuno come lei nel volley femminile. E per le giocatrici di Trento la schiacciatrice brasiliana, nata Rodrigo 32 anni fa, «si è trattenuta»

di Alessio Bompasso
martedì 21 febbraio 2017 | 13:41
La squadra del Palmi
La squadra del Palmi

Dalla curiosità di vederla all’opera, ai diversi punti interrogativi sollevati all’indomani dello stratosferico esordio stagionale di Tiffany (Tifanny) Pereira de Abreau. Un uragano di muscoli e potenza, più vicino al suo recente passato da uomo che al suo presente da donna, che ha mandato in tilt non solo Trento, la prima malcapitata caduta sotto i colpi dell’opposto brasiliano (nato uomo 32 anni fa), ma l’intero sistema pallavolistico italiano. Un precedente su cui la federazione continua a tenere la bocca cucita ma che inevitabilmente ha aperto la porta a prese di posizione contrastanti. A far discutere non la persona, ma l’incisività che una giocatrice con doti fisiche fuori dal comune, come Tiffany, potrebbe avere sull’intero proseguo del campionato. Contro Trento la brasiliana ha messo a terra 22 palloni su 52 attacchi. Nulla di straordinario se rapportato alle “top” di categoria. Come ci ha tenuto a sottolineare il tecnico di Palmi, Pasqualino Giangrossi. Analisi che, tuttavia, non convince a pieno soprattutto tra le giocatrici di Trento.

 

Si è trattenuta? Hanno molti dubbi le giocatrici di Trento, la prime a subire la furia Tiffany un secondo dopo il suo ingresso in campo. «Con Tiffany in campo - commenta Silvia Fondriest, centrale e capitano della Delta, tra le colonne della Gazzetta dello Sport – la partita è completamente cambiata. Tifanny ha attaccato 52 palloni in tre parziali con quasi il 50% in attacco ma – ha continuato la Fondriest –  abbiamo avuto l’impressione che si stesse trattenendo almeno nella forza dell’attacco. Al di là delle scelte di vita di ciascuno di noi – ha proseguito la giocatrice trentina -  mi chiedo se non ci sia alla base un problema di regole. I suoi parametri fisici non sono gli stessi di una donna – spiega -  lo scorso anno ho avuto la fortuna di giocare in A-1 ed anche in quella categoria ci sono poche giocatrici che possono vantare qualità simili».

 

Alessio Bompasso

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta