OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
rifiuti ecosistema palmi carmelo ciccone ndrangheta

Rifiuti: inchiesta “Ecosistema”, passa ai domiciliari l’imprenditore di Palmi Carmelo Ciccone

Era finito in carcere il 7 dicembre nell’inchiesta con al centro la ditta Ased di Rosario Azzarà

venerdì 6 gennaio 2017 | 19:18

Lascia il carcere e passa agli arresti domiciliari Carmelo Ciccone di Palmi, amministratore unico della Ra.di srl, arrestato il 7 dicembre scorso nell’ambito dell’operazione “Ecosistema” condotta dalla Dda di Reggio Calabria contro un presunto asse politico-mafioso-imprenditoriale che avrebbe gestito in regime di monopolio la raccolta dei rifiuti nel basso jonio reggino. Ad accogliere il ricorso dell’avvocato Armando Veneto è stato il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria che ha annullato nei confronti di Crmelo Ciccone l’ipotesi di reato di turbativa d’asta.


Al centro dell’inchiesta, il regolare svolgimento delle gare d’appalto nel settore dello smaltimento dei rifiuti con Rosario Azzarà, titolare della ditta Ased con sede a Melito Porto Salvo (ma sino a novembre impegnato nella raccolta della spazzatura pure a Vibo Valentia), ritenuto l’indagato principale insieme a Carmelo Ciccone.

 

Operazione “Ecosistema”, scarcerato Rosario Azzarà

 

I due, secondo l’iniziale tesi investigativa, forti del sostegno di alcuni clan della ‘ndrangheta (Iamonte di Melito Porto Salvo o Paviglianiti di San Lorenzo a secoda dei casi), attraverso la compiacenza di amministratori pubblici sarebbero riusciti a condizionare le gare d’appalto nel settore dello smaltimento dei rifiuti.

 

g.b.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta