OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
il prefetto e i briganti morano calabro cosenza giuseppe ferrari

“Il prefetto e i briganti”: a Morano la presentazione del libro di Giuseppe Ferraro

Già insignito di importanti premi, il libro affronta questioni importanti come il crollo del Regno delle due Sicilie e l'unificazione italiana, avvenimenti che segnarono per le province meridionali un periodo di diffusa instabilità. La presentazione avverrà il 28 dicembre a Morano Calabro presso il Museo di Storia dell’agricoltura e della pastorizia

martedì 27 dicembre 2016 | 17:52

“Il prefetto e i briganti. La Calabria e l’unificazione italiana” pubblicato da Mondadori/Le Monnier nella prestigiosa collana dei Quaderni storici fondata da Giovanni Spadolini e diretta da Fulvio Cammarano.

Questo è il titolo dell’ultimo lavoro di Giuseppe Ferraro (Dottore di ricerca in Storia presso l’Università di San Marino e docente di filosofia e storia). Il libro sarà presentato il 28 dicembre 2016, ore 17.30, a Morano Calabro presso il Museo di Storia dell’agricoltura e della pastorizia (Palazzo Salmena).

Un lavoro frutto di anni di ricerca, che già nelle sue fasi preparatorie, era stato insignito di due premi nazionali: a Ravenna nel 2015 per “la ricchezza e l'originalità delle fonti archivistiche” e nel 2016 a Firenze con il premio “Spadolini-Nuova Antlogia”. Nel libro vengono affrontate questioni molto importanti come il crollo del Regno delle due Sicilie e l'unificazione italiana, avvenimenti che segnarono per le province meridionali un periodo di diffusa instabilità. Vecchie e nuove problematiche si fusero rendendo l'amministrazione di gran parte di questo territorio difficile per i primi governi italiani. La classe dirigente liberale cercò di rimediare alla diffusa instabilità e conflittualità inviando nel Mezzogiorno prefetti, funzionari, militari di origine settentrionale per rafforzare in tal modo l'unificazione appena raggiunta. In questo contesto, nell'aprile 1861 venne nominato prefetto della provincia di Cosenza (Calabria Citra) il valtellinese Enrico Guicciardi.

Proprio la vicenda appassionante di Guicciardi e l'utilizzo, tra le altre, di fonti storiche inedite, custodite in archivi pubblici e privati, hanno permesso all'autore di raccontare i primi anni dell'unificazione italiana in Calabria, con particolare attenzione al brigantaggio, alla questione della terra, alla conflittualità tra potere politico e militare sul territorio, in uno dei momenti più critici della storia d'Italia. Ferraro riesce a coniugare la storia del territorio con la grande storia a livello nazionale e internazionale.

Nel volume ci sono delle vere e proprie chicche storiche come la narrazione degli incontri tra autorità e briganti tra i boschi della Sila per pianificare il loro arresto. Certamente quella più gustosa che Ferraro racconta riguarda l’incontro tra il prefetto di Cosenza, il nobile valtellinese Guicciardi, e il brigante Palma di Longobucco tra le montagne della Sila. Una delle vicende della bella storia raccontata in questo libro che sembra uscire dalla pagine dei lavori di Walter Scott. All’interessante iniziativa, curata dall’Associazione Tracce di Storie, interverranno il professor Vittorio Cappelli, ordinario di Storia contemporanea presso l’Università della Calabria con una relazione dal titolo I briganti e l’Unità, tra mito e realtà; il Dottor Leonardo Ferraro che relazionerà su Morano nel periodo del brigantaggio. I lavori saranno coordinati dal Prof. Lorenzo Carmine Curti.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta