OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
soverato libro peppino impastato scuole

Soverato, presentato il libro: “Peppino Impastato, un giullare contro le mafie”

Carica di spunti e riflessioni l'iniziativa organizzata dal Liceo scientifico “Guarasci” di Soverato all'interno della Fiera del Libro I Edizione, in collaborazione con l'Osservatorio “Falcone-Borsellino”

martedì 13 dicembre 2016 | 10:05

Si è svolto presso il Teatro comunale di Soverato un convegno per la presentazione del libro “Peppino Impastato, un giullare contro le mafie” di Lelio Bonaccorso.

L'iniziativa è stata organizzata dal Liceo scientifico “Guarasci” di Soverato all'interno della Fiera del Libro I Edizione, in collaborazione con l'Osservatorio “Falcone-Borsellino”.

 

Hanno partecipato al dibattito con gli studenti: il dirigente scolastico Vincenzo Gallelli e Carlo Mellea, presidente dell'Osservatorio. I lavori sono stati coordinati dalla giornalista Giulia Veltri del Quotidiano del Sud. Le relazioni sono state curate da una delegazione degli studenti del Liceo scientifico coordinati dalla docente Rosaria Ranieri. Gli studenti hanno realizzato diverse ricerche storiche sulla figura di Peppino Impastato, e successivamente hanno preso la parola l'onorevole Arturo Bova, presidente Commissione Anti-'ndrangheta, Giuseppe Borrelli, procuratore aggiunto Ddadi Napoli e Salvo Vitale, storico e compagno di Peppino Impastato. La conclusione dei lavori è stata affidata a Lelio Bonaccorso, autore del libro.

 

Alla fine del convegno il Liceo scientifico di Soverato ha consegnato una targa al presidente dell'Osservatorio per il suo impegno costante e quotidiano nell'interesse dei giovani, i quali sono l'unica speranza per cambiare sia la politica nazionale che la politica regionale.

 

Il presidente Carlo Mellea ha consegnato tre targhe: al dottor  Borrelli per il suo impegno quotidiano contro le mafie sia quando prestava la sua attività a Catanzaro che ora, a Napoli; al professor Salvo Vitale che ha condiviso tutte le battaglie contro la mafia di Impastato; ed a Lelio Bonaccorso per l’impegno a trasmettere agli studenti attraverso la cultura gli ideali e i valori di Peppino Impastato. La mafia si batte non solo con la Magistratura e le Forze dell'ordine ma soprattutto dando la possibilità ai giovani di crescere culturalmente.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta