OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
festival transumanza medioevo ruralità catanzaro

Festival “Transumanza. Medioevo e ruralità”: si parte

La manifestazione è stata presentata a Catanzaro. Unirà i comuni di San Giovanni in Fiore e Zagarise e sarà dedicata alla storia dei territori e alla loro ruralità

mercoledì 7 dicembre 2016 | 16:33

Un Festival dedicato alla storia dei territori, ma anche alla loro ruralità che parte dai tratti comuni nel Medioevo, passando per il teatro, la letteratura, la musica, finendo, ma non per ordine di importanza, con la valorizzazione e la tutela dell’ambiente. E’ “Transumanza. Medioevo e ruralità”, la manifestazione realizzata dai Comuni di San Giovanni in Fiore (Cs) e Zagarise (Cz), presentata questa mattina nella sala conferenze del complesso monumentale San Giovanni a Catanzaro.

 

A illustrare l’iniziativa i rappresentanti dei principali “motori” della manifestazione: moderati da Andrea Perrotta dell’associazione Eos Sud, nel corso dell’incontro si sono alternati gli interventi di Alfonso Molea, per Radici nel Tempo, il sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, l’assessore alla Cultura di San Giovanni in Fiore Milena Lopez, il suo omologo al Turismo Antonio Nicoletti, il direttore generale regionale di Legambiente Luigi Sabatini.

 

Se sugli appuntamenti letterari che si terranno nei prossimi giorni si è soffermato il professore Molea, sulla «amicizia tra i due paesi» ha voluto concentrarsi il sindaco Gallelli, sostenendo come il rapporto tra le due realtà di Zagarise e San Giovanni vada «oltre i confini territoriali», avendo appunto molti tratti in comune a partire dal Medioevo. Gallelli ha pure anticipato l’illustrazione del cosiddetto Modello Zagarise, vale a dire un esempio di compostaggio ad impatto ambientale zero, possibile, come spiegato poi da Sabatini, solo nelle piccole aree rurali. Gli assessori del Comune di San Giovanni in Fiore, infine, hanno voluto pure ribadire la necessità di una proposta che promuova questi territori sì, ma che vada anche incontro a chi questi luoghi, veri e propri gioielli, li vive, e non solo ai visitatori.

 

I prossimi appuntamenti in programma saranno a San Giovanni in Fiore dove, nelle giornate di venerdì 9 e sabato 10, nel centro storico saranno rievocate le atmosfere medievali con il mercatino e l’animazione e le rappresentazioni di musiche e mestieri antichi. Dal 19 al 23 dicembre ci si sposterà a Zagarise, dove nel PalaTenda del borgo si alterneranno le cinque giornate, ognuna dedicata a un tema specifico. Il 19 si parlerà di transumanza e ruralità ; il 20 dicembre i protagonisti saranno il Medioevo e Gioacchino da Fiore; il 21 sarà il turno del Miles Gloriosus del Teatro di Calabria; il 22 a cura di Legambiente si  tratterà l’argomento delle emissioni zero possibili nelle aree rurali; il 22 ci sarà la manifestazione finale dedicata ai Cavalieri templari, con incontri sul tema e la proiezione del mediometraggio con Isabel Russinova “Processo a una strega”, sulla vita di Cecilia Faragò. 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta