OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
francesca immacolata chaouqui condanna chaouqui

Usava il pass della zia morta: condannata a 8 mesi Francesca Immacolata Chaouqui

La pierre calabrese coinvolta nell’inchiesta sulla fuga di documenti dalla Santa Sede dovrà scontare otto mesi di reclusione per aver usufruito del pass per la Ztl della zia disabile morta sei anni prima

di Angelo De Luca
venerdì 6 maggio 2016 | 10:58

Francesca Immacolata Chaouqui dovrà scontare 8 mesi di reclusione per aver utilizzato fino al 2014, sfruttando la Zona a traffico limitato, il pass della zia morta sei anni prima. L’accusa per la donna, è falso, tentata truffa e truffa aggravata. Molte le contestazioni mosse dalla procura, tra cui quella di avere impugnato 95 multe, sostenendo che aveva il permesso di passare nella Ztl con il documento della parente, già morta.

 

La calabrese, originaria di San Sosti, membro della Commissione d’indagine per gli affari economici della Santa Sede istituita da papa Francesco il 19 luglio del 2013, è tristemente divenuta nota per l'indagine "Vatileaks 2", la nuova inchiesta sulla fuga di documenti dalla Santa Sede.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
GUARDA ANCHE
POTREBBERO INTERESSARTI
COMMENTI
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta