OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
lamezia terme truffa ue sequestro beni

Lamezia, truffa all’Unione Europea: sequestri per 5 milioni di euro. Tra gli indagati un dirigente della Regione Calabria NOMI E VIDEO

I finanziamenti percepiti sarebbero dovuti essere finalizzati ad incrementare l’occupazione di lavoratori appartenenti a categorie svantaggiate

mercoledì 8 luglio 2015 | 09:22

C’è anche Renato Scrivano, uno dei funzionari del dipartimento Lavoro della Regione Calabria tra coloro che sono accusati a vario titolo, di associazione per delinquere, falso e truffa aggravata ai danni dell'Unione europea e dello Stato. Coinvolte in totale 24 persone e 6 società, tra Lamezia e Cosenza.

 

L’accusa è di associazione per delinquere, falso e truffa aggravata ai danni dell’Unione Europea e dello stato, per avere ottenuto, attraverso artifizi documentali, indebiti finanziamenti pubblici, che, invece, sarebbero dovuti essere finalizzati ad incrementare l’occupazione di lavoratori appartenenti a categorie svantaggiate e/o disabili. Sequestrati beni per circa cinque milioni di euro.
Lo scopo dell’associazione era quello di ottenere indebiti contributi pubblici a diverse imprese, principalmente attraverso la produzione e l’utilizzo di falsa documentazione.

 

Sono anche emersi collegamenti con l'estero, in quanto è stato accertato che il legale rappresentante di una fittizia società assicuratrice maltese ha prodotto e fornito più volte all'organizzazione false polizze fideiussorie a garanzia dell’erogazione dei contributi pubblici. Tra le aziende finite nel mirino delle fiamme gialle la TLCWEB, la Kifà, la Ga.Ma, Esse Carni Srl e Edilmaa Costruzioni Generali.
Tra i compiti del funzionario della Regione Calabria proprio quello di verificare il rispetto della normativa comunitaria e nazionale.

 

I nomi degli indagati:

Antonio Molinaro

Renato Scrivano

Maria Veronica Filice

Tiziana Maruca 

Fabio Talarico

Luciano Talarico

TLCWEB Srl nella persona dell’amministratore pro tempore con sede legale in Lamezia

Emanuela Vecchi

Valentina Buccinnà

Luca Vescio

Luigi Maruca

Saveria Lucia

Francesco Iuliano

Domenico Rocca

Ubaldo Notaro

Mari Srl – nella persona dell’amministratore pro tempore con sede legale in Pianopoli

Fabrizio Aiello

Rosetta Fazio

Davide Gigliotti

Kifà di Aiello Fabrizio e C Sas nella persona dell’amministratore pro tempore on sede legale a Serrastretta

Katia Cimino

Angelo Burgo

Giuseppe Vescio

Domenico Mastroianni

Ga.Ma. Sas di Mastroianni Domenico &C. nella persona dell’amministratore pro tempore con sede legale a Lamezia Terme

Antonio Molinaro

Edilmaa Costruzioni Generali Srl nella persona dell’amministrazione pro tempore con sede legale a Serrastretta

Rosalinda Saladino

Giorgio Saladino

Esse Carni Srl nella persona dell’amministratore pro tempore con sede legale a Lamezia Terme

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
GUARDA ANCHE
POTREBBERO INTERESSARTI
COMMENTI
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta